Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

Ritratto dello zio

di Gaber - Luporini


1980 © Edizioni Curci Srl - Milano




Caro, vecchio zio fascista
è vero che avete fatto un bel casino
ricordo dai racconti di mia madre
che sei andato a Roma a piedi, da Milano.

A istinto io ti ho sempre giudicato
come uno che si accende e non ragiona
e ho fatto un po' di facile ironia
senza capire mai la tua persona.

Direi che eri un po' stupido e felice
coerente con l'immagine del duce
a ventun anni avevi già una figlia
la guerra tutta tua e l'idea della famiglia.

Ai tempi in cui cadevano le bombe
mostravi con orgoglio il tuo coraggio
eppure ti piaceva l'aria fresca
delle mattine limpide di maggio.

L'uomo è quasi sempre meglio
rispetto alla propria ideologia
ricordo quella volta che piangevi
e quanto stavi male per la zia.

Del resto il segreto del fascismo
è nel simbolo del fascio littoriale
e appena un fascettino si è staccato
svanisce la sua forza criminale.

Caro, vecchio zio fascista
a vederti innaffiare le tue rose
ancora non mi entra nella testa
come hai potuto fare certe cose.

Sorridi accarezzando i tuoi nipoti
con una commozione così vera
hai sempre avuto il cuore troppo tenero
e la testa troppo dura.

Negli uomini politici di oggi
c'è come un grosso salto di statura
ma c'hanno ancora il cuore troppo tenero
e la testa troppo dura.



Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
Nessuno

Dischi in cui è presente il testo:
  • Pressione bassa (1980)
  • Io se fossi Gaber (1985) (2002)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook