Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

E tu mi vieni a dire

di Gaber - Luporini


1973 © Edizioni Curci Srl - Milano




A Milano muoiono in circostanze misteriose
alcuni testimoni della strage di Stato
intanto alla televisione Mariano Rumor
con calma esorta all'ordine il popolo italiano.

E tu mi vieni a dire "Io amo" come se l'amore...
E tu mi vieni a dire "Io muoio" come se la morte...
E tu mi vieni a dire "Io soffro" come se il dolore...

A Roma gli uscieri gallonati di Palazzo Madama
danno il via ad una solenne cerimonia
è venuta dal Vietnam del Sud una delegazione
confermando la loro amicizia alla nostra nazione.

E tu mi vieni a dire "Io amo" come se l'amore...
E tu mi vieni a dire "Io muoio" come se la morte...
E tu mi vieni a dire "Io soffro" come se il dolore...

Capire cosa c'è dietro il dolore
saperlo analizzare e motivare
allora quel dolore è la mia rabbia
di fronte a repressioni sempre più allarmanti
la rabbia di uno, la rabbia di tanti.

A Napoli, così come fosse niente, su una bancarella
tutta piena di coccarde tricolori
c'erano ragazzi che chiedevano fondi
per il Movimento Sociale Italiano.

E tu mi vieni a dire "Io amo" come se l'amore...
E tu mi vieni a dire "Io muoio" come se la morte...
E tu mi vieni a dire "Io soffro" come se il dolore...

Capire cosa c'è dietro il dolore
saperlo analizzare e motivare
allora quel dolore è la mia rabbia
di fronte a repressioni sempre più allarmanti
la rabbia di uno, la rabbia di tanti.

Capire cosa c'è dietro il dolore
saperlo analizzare e motivare
allora quel dolore è la mia rabbia
di fronte a repressioni sempre più allarmanti
la rabbia di uno, la rabbia di tanti
la rabbia di uno, la rabbia di tanti
la rabbia di uno, la rabbia di tanti.



Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • Far finta di essere sani (1973)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • Far finta di essere sani (registrazione studi Fonorama) (1973)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook