Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

I cani sciolti

di Gaber - Luporini


1994 © Edizioni Curci Srl - Milano

Versione 2


[parlato:] L'uomo è un animale socievole
quando incontra qualcuno che la pensa come lui
scodinzola.

Da soli non si può far niente
non è che io non dia valore all'individuo
ma credo che un momento collettivo
sia un bisogno dell'uomo per sentirsi vivo
per crescere e imparare
bisogna essere in molti
e non si può contare
sui cani sciolti.

Da soli non si può far niente
è giusto trovare una propria appartenenza
un fondersi di idee e intenzioni
per distruggere un mondo di corruzioni
per poter ricominciare
ci voglion nuovi volti
e non si può contare
sui cani sciolti.

Da soli non si può far niente
bisogna tentare una qualche aggregazione
la sento come l'unica salvezza
un'unione che dia una sicurezza
ci dobbiamo ritrovare
per non essere travolti
e non si può contare
sui cani sciolti.

Ma i cani sciolti
un po' individualisti
un po' anarcoidi
sono gli ultimi utopisti
purtroppo non si accontentano
delle elezioni e dei partiti e delle coalizioni
ne hanno pieni i coglioni.

Non ce la fanno a delegare
se non si sentono coinvolti
sono proprio allergici al potere
i cani sciolti.



Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • Il Teatro Canzone '94 (1993)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • Io come persona (1994)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook