Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

Il miracolo

di Gaber - Luporini


1994 © P. A.




[incipit parlato presente solo nel libretto di scena:] L'occhio umano, come credo anche l'occhio bovino, è l'organo per la reazione degli stimoli della luce che vengono immediatamente trasmessi ai centri nervosi. Basta un minimo sforzo, una piccola fessura per impressionare i nostri sensi che sono già molto nervosi.


Schermo fluorescente unica fonte di magia
sera di televisione
luce soffusa nella mia casa, voce che fa compagnia
ma improvvisamente...
Un po' d'ncertezza fin quando
la mano si ferma sul telecomando
e s'illumina il mondo.
Schermo fluorescente unica fonte di energia
ma improvvisamente...

E se improvvisamente ti venisse in mente
ti venisse in mente come in un film di fantascienza
che questo vetro luminoso potrebbe anche finire
nella totale indifferenza
se ti venisse da pensare per un attimo soltanto che non esiste
lo spettatore
e se guardando la bocca
di un attore, un giornalista o un presidente ti venisse in mente
che all'ascolto non c'è più nessuno
che sono usciti tutti, sono andati via
e in primo piano c'è soltanto quella bocca
e la sua follia...
Miracolo!
Miracolo!

E se improvvisamente ti venisse in mente
ti venisse in mente che quella bocca colorata
gira per le stanze invano
il gran faccione è lì che parla
e non sì sente neanche il suono.
Se tu vedessi la tua casa vuota
come vista da lontano, sempre più lontano
c'è soltanto la televisione e nei palazzi
nessuno
se ti venisse in mente che niente ha resistito
la massa è morta dolcemente e l'individuo
si è svegliato...
Miracolo!
Miracolo!

La grande fluorescenza non incanta più nessuno
un miracolo!
la dolce ammaliatrice non seduce più nessuno
un miracolo!

E fuori nelle piazze e nelle strade
la vita
ritorna ad esser quella vera
e l'aria è fresca, e si respira
E fuori nelle piazze e per le strade
la vita!



Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • E pensare che c'era il pensiero (1994)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • E pensare che c'era il pensiero (1994)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook