Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

Isteria amica mia

di Gaber - Luporini


1994 © Edizioni Curci Srl - Milano

Versione 2


Sono giù di morale
questo mondo fa male
con lira che oscilla, che sbanda ogni giorno
un inferno
io non so cosa fare, l'Italia è allo sbando
io voglio morire
aiuto sprofondo nel buio più nero.

Sono finto o sono vero…
boh!

Sono giù di morale
l'ho già detto, ma è uguale
per fortuna ho trovato il mio schieramento
son contento
io lo so, mi conosco, se credo al partito
mi esalto, rinasco, ritrovo il mio slancio, do sfogo al mio istinto.

Sono vero o sono finto…
boh!

Oddio, oddio son sempre più sgomento
nel mio cuore c'è uno schianto
si sputtana il Parlamento
ho anche pianto.
Oddio, oddio lo Stato è disastrato
come sono preoccupato
per la mia democrazia!

Isteria
per piccina che tu sia
isteria
siam rimasti solo noi, amica mia.

Sono giù di morale
ma ho risolto il mio male
chi la pensa in un modo diverso si sbaglia
che gentaglia.
Io li faccio a pezzetti, li stritolo tutti
li prendo a cazzoti, gli cambio il cervello
li lobotomizzo.

Sono vero o sono finto…
sono schizzo.
Non son mica pazzo…

È che il mondo nascente mi fa vomitare
non capisco più niente
ma mi devo schierare.

Com'è bello ritrovarsi in tanti a lottare fianco a fianco, oh sì!
Com'è bello avere dei nemici chiari, precisi, sicuri, oh sì!
Com'è bello sapere con certezza quali sono gli uomini che fanno veramente il bene del nostro paese, oh sì!
Dio come sono politico!

Isteria
per piccina che tu sia
isteria
siam rimasti solo noi, amica mia.

Isteria, amica mia.
Isteria, amica mia.



Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • E pensare che c'era il pensiero (1995)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • E pensare che c'era il pensiero (1995)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook