Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

Finale (Polli di allevamento)

di Gaber - Luporini


1978 © P. A.




Nella penombra della scena l'attore prosegue, senza intaccare minimamente l'ordine prestabilito.
Avrebbe voglia di rovesciare tutto, introdurre un'inversione, uno sfasamento, una confusione, una curvatura.
Ma anche negli atti più insoliti la sua vita è un meccanismo perfettamente oleato.
Qualche rara volta sembra che si riesca veramente a romperlo, una specie di magia.
Per un istante il meccanismo regolato della scena si interrompe. A metà di una frase l'attore di arresta. La sa a memoria questa parte che recita ogni giorno, ma forse questa sera si rifiuta di andare avanti.
Gli altri personaggi si irrigidiscono col braccio alzato. La misura che l'orchestra aveva cominciato si prolunga indefinitamente.
Bisognerebbe ora fare qualcosa, dire una parola, una parola qualunque che non sia scritta nel copione.





Note: In

Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • Polli di allevamento (1978)
  • Due Retrospettive (Retrospettiva 2) (1980)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • Polli di allevamento (1978)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook