Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

I padri tuoi

di Gaber - Luporini


1978 © Edizioni Curci Srl - Milano




I padri tuoi, i padri tuoi
i padri come potrei essere io
non sono austeri e riservati
si vestono più o meno come voi
sono padri colorati.

I padri tuoi
si sentono vicini ai tuoi problemi
parlandone così da pari a pari
senza fare i signori, senza falsa dignità.

I padri tuoi
di cosa mai li puoi rimproverare
non certo di una assurda incomprensione
nemmeno di cattiva educazione o di abuso di potere.

I padri tuoi
che sembrano studenti un po’ invecchiati
non hanno mai creduto nel mito
del mestiere del padre e nella loro autorità.

I padri tuoi…

In un’immagine sfuocata, un po’ allungata
viene fuori senza alone di errori…
viene fuori, viene fuori, viene fuori

i padri tuoi
son sempre più sensibili e corretti
non hanno la mania di intervenire
puoi fare tutto quello che ti pare, sono sempre più perfetti.

I padri tuoi
nel ruolo di moderni animatori
son tutti diventati libertari
collezionano invenzioni, innovazioni, attualità.

I padri tuoi…

In un’immagine sfuocata, un po’ allungata
viene fuori senza alone di errori…
viene fuori una figura pulita e inconsueta
corredata di nuovissimi umori
viene fuori, viene fuori, viene fuori

i padri tuoi, i padri tuoi
i padri come potrei essere io
come potrei essere io, come potremmo essere noi.

Spalanchiamo le porte a tutto per il progresso del mondo
noi che non siamo certo padri fascisti, padri autoritari
liberi e permissivi non rappresentiamo vecchie istituzioni.

Spalanchiamo le porte a tutto per il risveglio del mondo
noi così impegnati, così pieni di rigore
allegramente noi compriamo biciclette da cross per i nostri figli.

Spalanchiamo le porte a tutto per l’esultanza del mondo
del solito mondo, del solito…
noi che continuiamo a regalare centinaia di palloni
biliardini e macchinine giapponesi.

Spalanchiamo le porte a tutto per lo sviluppo del mondo
noi che non facciamo nessuna resistenza
e che ci stravacchiamo nel benessere e nella mascherata della libertà.

Spalanchiamo le porte a tutto per il trionfo del mondo
del solito mondo, del solito mondo, del solito mondo, del solito…

In un’immagine sfuocata, un po’ allungata
viene fuori senza alone di errori…
viene fuori una figura pulita quasi bianca, dissanguata
una presenza con pochissimo spessore che non lascia la sua traccia
una presenza di nessuna consistenza che si squaglia, si sfilaccia
viene fuori, viene fuori una figura disossata
che a pensarci proprio bene nell’insieme dà l’idea di libertà…

viene fuori, viene fuori, viene fuori
i padri tuoi, i padri tuoi, i padri tuoi, i padri tuoi, i padri tuoi, i padri tuoi.



Trascrizione da: Disco



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • Polli di allevamento (1978)
  • Due Retrospettive (Retrospettiva 2) (1980)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • Polli di allevamento (1978)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook