Sei in: Archivio » Testi » Testo

Testo

L'orgia: ore 22 secondo canale

di Gaber - Luporini


1970 © P. A.




Ero lì in un'orgia in mezzo a della gente che conoscevo poco e che non era molto attraente.
Ero lì in un'orgia ma non ci avevo voglia e allora me ne stavo un po' in disparte, per rappresaglia.
– No, grazie, senza complimenti, il genere non m'interessa. Oddio, se proprio insiste, se dice che è una scommessa.
Ero lì in un'orgia, facevo qualche cosa, ma non mi ricordavo una serata così noiosa.
– No, mi creda, mi diverto molto. Sono solo un po' di soggezione, però mica le dispiace se accendo la televisione?
Ero lì in un'orgia e per il primo mi fermo, ma man mano anche gli altri sono distratti dal teleschermo. E così, tutti nudi, sul secondo canale vediamo un film d’amore un po' vecchiotto, ma niente male!
– A me piace perché alla fine i due si sposano.
– Ah sì, anch'io sono per il lieto fine, mica come quei film moderni che non si capisce niente, in fondo sono un sentimentale. Scusi, avvocato, ha mica visto le mie mutande, per caso?





Note: Già edito in 45 giri (retro di

Trascrizione da: Libretto teatrale



Spettacoli in cui è presente il testo:
  • Il signor G (1970)
  • Storie vecchie e nuove del signor G (1971)


  • Dischi in cui è presente il testo:
  • Il signor G (1970)


  • Testo pubblicato previa autorizzazione dell'editore e degli autori.


    « Torna alla pagina precedente

    Segui il sito su: Facebook