Sei in: Archivio » Spettacoli » Teatro Canzone » Polli di allevamento

Polli di allevamento

«Aggrapparsi alle cose, una nuova emozione, una fede feroce, sentire che cresce e diventa esplosione; un momento felice, si avvera, ti nutre, ti sfiora veloce, dura ancora un istante, vorresti fermarlo ma è tardi, è già tra i ricordi…

(L'esperienza)



Il titolo stesso annuncia una presa di distanza da quel movimento giovanile che andava via via trasformandosi. Per le strade e nelle piazze non si parla quasi più della vita. Alcuni scelgono strade prettamente politiche altri prendono posizioni di tipo misticheggiante. Quello che in "Libertà obbligatoria" era un sospetto di massificazione qui si trasforma da una parte in un velleitario intervento politico, dall'altra in uno scadimento inerte che assomiglia sempre più ad una moda.
Giorgio Gaber e Sandro Luporini - Brano tratto dal nuovo catalogo di "Gaber a teatro"

 

Stagione teatrale:

 

1978-1979

Debutto:

3/10/1978 - Parma

 

Scheda dello spettacolo

Autori: Gaber-Luporini
Produzione: Piccolo Teatro di Milano
Con:
Giorgio Gaber
Direzione musicale e coordinamento: Giorgio Casellato
Collaboratori:
Gianfranco Aiolfi - Valerio Geroldi - Giancarlo Messaggi - Franca Telleschi
Orchestrazioni: Franco Battiato e Giusto Pio
Musicisti: Danilo Lorenzini e Michele Ferdigotti (pianoforte) - Giuseppe Magnani e Angelo Leone (violini) - Tito Riccardi (viola) - Alfredo Riccardi (violoncello)

 

 

 

Documenti in archivio

Disco: Polii di allevamento
Libretto di scena: Libretto di scena
Testi:
Testi dello spettacolo
Video: ---
Manifesto: ---

Segui il sito su: Facebook