Sei in: Archivio » Spettacoli » Teatro Canzone » Il Teatro Canzone

Il Teatro Canzone

«Qualcuno era comunista perché aveva bisogno di una spinta verso qualcosa di nuovo, perché era disposto a cambiare ogni giorno, perché sentiva la necessità di una morale diversa, perché forse era solo una forza, un volo, un sogno, era solo uno slancio, un desiderio di cambiare le cose, di cambiare la vita.
Qualcuno era comunista perché con accanto questo slancio ognuno era come più di se stesso, era come due persone in una. Da una parte la personale fatica quotidiana e dall’altra il senso di appartenenza a una razza che voleva spiccare il volo per cambiare veramente la vita.
No, niente rimpianti. Forse anche allora molti avevano aperto le ali senza essere capaci di volare, come dei gabbiani "ipotetici".

(Qualcuno era comunista)


immagine manifesto non disponibile «Teatro Canzone» è la più sintetica definizione di un certo modo di fare spettacolo a partire dagli anni '70. Questa volta non si tratta però di una definizione ma di un vero e proprio titolo per sottolineare il ritorno a questo genere teatrale dopo alcuni anni dedicati esclusivamente alla prosa. Le canzoni e i monologhi appartengono quasi tutti a precedenti spettacoli, ma non vengono qui proposti per desiderio nostalgico o peggio per auto-celebrazione. Prevale viceversa l'intento di verificare anche a distanza di anni se effettivamente aldilà di alcune necessarie riletture i brani scelti mantengano ancora una loro attualità e validità.
Giorgio Gaber e Sandro Luporini - Brano tratto dal nuovo catalogo di "Gaber a teatro"

 

Stagione teatrale:

 

1991-1992

Debutto:
5/11/1991 - Pesaro

 

Scheda dello spettacolo

Autori: Gaber-Luporini
Produzione: Goigest
Con:
Giorgio Gaber
Direzione artistica: Giorgio Gaber
Aiuto direzione artistica: Mario Spallino - Giampaolo Fioretti
Suono: Ambrogio Gatti - Toni Soddu
Musicisti: Luigi Campoccia (tastiere) - Claudio De Mattei (basso) - Gianni Martini (chitarre) - Luca Ravagni (tastiere e fiati) - Enrico Spigno (batteria)
Luci: Marco Benetti
Direzione di scena: Carlo Licchelli
Allestimento: Alberto Tocchi
Realizzazione tecnica: Antonio Faccenda - Feliciano Tonini
Segreteria: Franca Telleschi - Davide Benetti - Monica Malavasi
Organizzazione: Paolo Dal Bon
Ufficio stampa e relazioni esterne: Dalia Gaberscik
Amplificazioni e luci: Lem Professional
Trasporti: L&M Roma

 

 

Documenti in archivio

Disco: Il Teatro Canzone
Libretto di scena: Libretto di scena
Testi:
Testi dello spettacolo
Testi di "Storie del signor G"*
Video: - *Ripresa video, realizzata nel corso della manifestazione "La Versiliana" nei mesi di luglio e agosto 1991, per la televisione e in homevideo (VHS, 1991 - DVD, 2005) con il titolo "Storie del signo G" - DVD

Segui il sito su: Facebook