Sei in: Archivio » Stampa » Dettaglio articolo/intervista

Dettaglio articolo/intervista

Categoria: Attualità



Agenzia ANSA - - 28/02/2005


In mille per Sofri, Gaber, Luporini

di

TEATRO: Un gioco in musica in nome della libertà
 


PISA, 28 FEB. – Metti una sera a teatro con 19 artisti sul palcoscenico, tutti tra i più grandi dello spettacolo italiano, e 19 detenuti in sala, tutti in libera uscita dal carcere Don Bosco di Pisa. Tra loro Adriano Sofri, nascosto dietro le quinte del palcoscenico, ed un migliaio di persone che, affollate tra la platea e i palchi, sono venute per aiutare chi sta dietro le sbarre, per ricordare Giorgio Gaber e per rendere omaggio al suo alter ego, Sandro Luporini, coautore dei testi per 30 anni. Sono tutti gli ingredienti dello spettacolo "L'illogica allegria - per Gaber senza Gaber" andato in scena questa sera al Teatro Verdi di Pisa e che ha fruttato 30 mila euro che andranno tutti al fondo detenuti del carcere pisano. Uno spettacolo voluto dalle associazioni dei volontari del carcere, ma fortemente voluto anche da Sandro Luporini, Adriano Sofri e Sergio Staino che ne ha firmato la regia aiutato dalla giovane Alice Guadagni. Uno spettacolo giocato sull'equivoco e sul ribaltamento dei ruoli evidente fin dal momento dell'ingresso al teatro Verdi dove a staccare i biglietti c'era il sindaco di Pisa, Paolo Fontanelli. E poi ancora in sala con i detenuti seduti tra le prime file, quelle che spettano alle autorità, in genere non paganti, che questa volta invece hanno messo mano al portafoglio tirando fuori 100 euro a testa e pagando anche i biglietti d'ingresso per i detenuti. Il gioco degli equivoci è continuato sul palcoscenico. Si è aperto il sipario e tutti aspettavano Daria Bignardi, annunciata presentatrice della serata, e invece è apparso Dario Vergassola che, con un colpo di teatro, ha annunciato: "Ragazzi, non avrete mica creduto a quello che c'è scritto sul manifesto, non pensavate mica che nobel e artisti di quel calibro venissero qui gratis, se avete creduto a questo vuol dire che siete ancora nel mondo delle favole". E invece gli ospiti annunciati c'erano tutti presentati via via da Daria Bignardi. C'erano Alessandro Benvenuti, Davide Calabrese, Guido D'Agnello, Ginevra Di Marco, Erriquez e Finaz della Bandabardò, Carlo Fava, Dario Fo, Paolo Hendel, Sandro Luporini, Mauro Pagani, Franca Rame, David Riondino, Bobo Rondelli, Paolo Rossi, Lorenzo Scuda, Mario Spallino, Paola Turci. Tutti e tutte gratis a cantare Gaber, a recitare i suoi monologhi e a proporne dei nuovi creati da loro per l'occasione dando vita a tre ore e mezzo di spettacolo intonato sulle note della libertà che, come nel gran finale gli animatori della serata hanno cantato tutti assieme riuniti sul palcoscenico "Non è star sopra un albero" e non è neanche "Il volo di un moscone" ma "È partecipazione".


Un ringraziamento a Davide Guadagni per la raccolta e l'invio dell'articolo


 


« Torna alla pagina precedente
Segui il sito su: Facebook