Categoria: Libretti degli spettacoli



- 1991


Il Teatro Canzone

di Giorgio Gaber e Sandro Luporini




Stagione teatrale 1991/92 (1992/93 - 1993/94) - Canzoni e monologhi di Giorgio Gaber e Sandro Luporini


INTRODUZIONE

Il "Teatro Canzone di Giorgio Gaber" nasce all'inizio degli anni settanta. In quegli anni, Gaber e Luporini si distaccano sempre più dalla canzone tradizionale per trasportarla in una specie di gioco diretto a domanda e risposta col pubblico che ovviamente trova il suo spazio logico proprio nei teatri.
È una forma di teatro anomala e originale che ha trovato da più di vent'anni un consenso di critica e di pubblico assai diverso da un normale recital di canzoni.
L'alternanza di brani recitati e cantati ne garantisce un percorso emotivo e una forrma di coerenza da spettacolo teatrale vero e proprio.
I monologhi, che in un primo tempo potevano essere delle conversazioni con il pubblico, sono diventati via via dei brevi atti unici di prosa. I momenti music ali sono costruiti su un arco teatrale preciso, e solo raramente sono canzoni da ascoltare fuori dal contesto in cui sono presentate, anche perché l’intento degli autori non va nella dfrezione dell'"orecchiabilià" riipetibile ma di una comunicazione che ha come prerogativa l'impatto immediato che avviene al momento dell’esecuzione.
Il "Teatro Canzone" che quest’anno Gaber e Luporini ci presentano è una raccolta di brani in prosa e in musica, alcuni in parte riscritti o modificati, scelti da un repertorio che va dal 1970 all'oggi, senza avere comunque un carattere antologico. Non appaiono infatti alcune canzoni tra le più conosciute perché si riferiscono a personaggi e fatti che ora sono assolutamente fuori delle nostre vite.
Non c’è quindi nessun desiderio di auto celebrazione o di recupero nostalgico del passato, ma di verificare a distanza di anni l’attinenza con l'oggi, in considerazione anche del fatto che molte di queste composizioni sono state eseguite in spettacolo una sola volta, quindi con una possibilità di espansione esageratamente limitata.
Il "Teatro Canzone" è stato presentato al Festival "La Versiliana", dalla breve esperienza della tournée estiva '91 di Gaber è emerso un dato estremamente positivo: la critica ha accolto l'operazione con consenso unanime, e il pubblico, numerosissimo, ha partecipato allo spettacolo con un entusiasmo straordinario; a dimostrazione del fatto che il lavoro di Gaber e Luporini, sia per il linguaggio sia per i contenuti, non ha assolutamente risentito del tempo.

IL TEATRO CANZONE DI GIORGIO GABER

I ATTO

BAMBINI G
(da "Il Signor G. ") - 1970
FAR FINTA DI ESSERE SANI
(da "Far finta di essere sani") - 1973
GLI INUTILI
(da "Il Teatro Canzone") - 1991
L'ODORE
(da "Anche per oggi non si vola") - 1974
L’ILLOGICA ALLEGRIA
(da "Anni affollati") - 1981
È SABATO
(da "Dialogo tra un impegnato e un non so") - 1972
LA PAURA
(da "Polli di allevamento") - 1978
LE ELEZIONI
(da "Libertà obbligatoria") - 1976
L'ELASTICO
(da "Far finta di essere sani") - 1973
IL SUICIDIO
(da "Polli di allevamento") - 1978
I SOLI
(da "Parlami d'amore Mariù") - 1986
LA NAVE
(da "Far finta di essere sani") - 1973

II ATTO

LE MANI
(da "Anche per oggi non si vola") - 1974
O MAMMA
(da "Far finta di essere sani") - 1973
IL COMPORTAMENTO
(da "Libertà obbligatoria") - 1976
GILDO
(da "Anni affollati") - 1981
DOPO L'AMORE
(da "Polli di allevamento") - 1978
LO SHAMPOO
(da "Dialogo tra un impegnato e un non so") - 1972
IL DILEMMA
(da "Anni affollati") - 1981
QUALCUNO ERA COMUNISTA
(da "Il Teatro Canzone") - 1991
SI PUÒ
(da "Libertà obbligatoria") - 1976
C'È SOLO LA STRADA
(da "Anche per oggi non si vola") - 1974

ALTRI BRANI

Nelle pagine seguenti vengono riportati, su indicazione degli autori, alcuni brani che potrebbero venire eseguiti nel corso delle repliche.

LUCIANO
(da "Io se fossi Gaber") - 1984
OH MADONNINA DEI DOLORI
(da "Dialogo tra un impegnato e un non so") - 1972
LA LIBERTÀ
(da "Dialogo tra un impegnato e un non so") - 1972
LA STRANA FAMIGLIA - 1990
IO SE FOSSI DIO
(da "Anni affollati") - 1981